هاریکا | فروشگاه اینترنتی لوازم خانگی
0 محصولات نمایش سبد خرید

هیچ محصولی در سبد خرید نیست.

Ferlinghetti ci racconta il adatto d-day: “Noi liberatori? Eravamo conquistatori”

Ferlinghetti ci racconta il adatto d-day: “Noi liberatori? Eravamo conquistatori”

I suoi occhi sono veramente quelli «meravigliati di un gufo sveglio», modo scrive nell’autobiografia in forma beat Little Boy, apertura durante Italia (da Clichy) per completamento 2019, millesimo durante cui Lawrence Ferlinghetti, caposcuola fittizio dei poeti beat, ha assolto 100 anni (il gente 24 marzo ne fa 101). Attraverso motivi di benessere, non ha presenziato agli eventi durante suo rispetto, nemmeno il Ferlinghetti Day, dalle parti di North Beach, il borgata italo-americano di San Francisco dove aprì nel 1953 la stimato scaffale City Lights, che svetta attualmente per mezzo di le sue vetrine piene di libri, citazioni, foto e luci perché la illuminano furbo per a tarda ora, testimoniando quanta formazione è avvenimento da lì. (continua…)

Valerio Magrelli В«Vi fareste eseguire da un menestrello? Io no!В»

DI FRONTE A UNA BIBLIOTECA GIGANTESCA ho afferrato verso non dire: «Li hai letti tutti?». Ciononostante di davanti per scaffali affinché si inerpicano fino a un soffitto di pressappoco 5 metri, mi è venuta esteriormente una istanza al momento più stupida: «Non è fatale aumentare sagace verso lassù?». «No, la scala è sicura, si arpiona e si inclina», risponde Valerio Magrelli, in quanto ci accoglie nella sua domicilio in nocciolo, per Roma. E indi aggiunge: «Si preoccupò ancora Giulio Einaudi, affinché laddove entrò sopra domicilio mia, disse: “Bella, ma interessato, ricordati di Delio Cantimori”, affinché per effetti morì cadendo dalle scale della sua collezione di libri. Vuole provare verso salire?». Alle spalle, appresso, gratitudine. Ci salirò a fine colloquio, per filmarlo intanto che giustizia i versi verso Nicole Minetti, uno dei tanti divertissement nella vasta opera di Magrelli, poeta intelligente e ingordo, esperto di volgere in versi contro insieme ciò che è concreto e rigoroso, ringraziamenti per una procedimento precisa mezzo un metronomo, il nitore dello occhiata e la freddezza del riflessione. Di recente Einaudi ha pubblicato l’opera omnia Cavie. Poesie 1980-2018 e un notes allegro e crudele, Il membro di commissione Magrelli, ove satireggia l’egemonia istruttivo dei commissari nel nostro immaginario, dando suono per un responsabile retrivo, tuttavia di mancina: dalla porzione delle vittime, ontro l’incertezza della dolore (ovvero la convinzione della non stento). (continua…)

Cesare De Michelis, un abile insieme la interesse dello alunno

Cesare De Michelis, più in avanti perché morte insegnante di lettere italiana, epoca un curatore sincero e un intellettualistico sincero, affinché aveva un soddisfazione individuale accentuato, delle idee consolidate eppure anzitutto un straordinario adempimento attraverso quelle altrui. Il prestigio di un artista, la interesse di uno scolaro. La segnalazione della sua decesso è un tuffo al centro attraverso chi ama i libri mezzo prodotto di emancipazione di intenzione e di comunicazione, appena prodotto della interesse umana e cerebrale. Una inganno giacché sarà continuamente oltre a rara mediante questi tempi di arretratezza pericoloso. Lui, in dirla per mezzo di le categorie di Edmondo Berselli, era un venerato principale giacché dava assai buco alle giovani promesse e si sforzava in quanto non diventassero in nessun caso soliti stronzi. Era venerato fine era esperto e autosufficiente, nella opinione e nel prudenza letterario. Potevi non condividerlo, potevi addirittura sentirti ignorato, ma non potevi non riconoscerne la cavillo. (continua…)

Sandro Veronesi: “Quella anatema biblica verso Arbore nel cuore della notte”

В«DA RAGAZZO LESSI GOETHE giacchГ© diceva: scrivi un tomo, fa’ un fanciullo, carta topografica un antenna. Mi sembrava una presenza perfetta durante accludere una cosa alla persona della moltitudine. Io prima ho messaggio un registro, dopo avvenimento un bambino e posteriormente il iniziale ragazzo ho conficcato un albicocco, nella casa al costa. Ho motto: siamo per postoВ». Incontriamo Sandro Veronesi per Roma, dove vive unitamente la seconda consorte, Manuela, unitamente cui ha avuto due figli, Nina e Zeno. Gli prossimo tre, dal antecedente matrimonio, tutti maschi, sono cresciuti a terreno erboso, in cui Veronesi ГЁ nato nel 1959 e passa ancora porzione della settimana. Nella natГ¬a Toscana, alla casale Celle di Santomato (Pistoia), il 21 marzo scorso ha inaugurato la Serra dei poeti, una struttura da lui progettata, unitamente 30 cipressi piantati durante l’occasione. Ci sediamo verso divani coperti da teli, durante difenderli dall’allegra slancio del cane: В«Si chiama Lea, appena mia nonna materna, cosicchГ© ha consumato 100 anni. Una furore, sopra vivaio scava bucheВ». Il tomo d’esordio, trent’anni fa, nel 1988: durante luogo parte presente treno allegro. All’inizio, aveva pudore a dire di voler comporre lo redattore: В«Mi spacciavo verso oftalmologo, almeno nessuno faceva domande. Dunque restituisco il amicizia, il primo attore del altri romanzo ГЁ un oftalmologo. Serve un arte non avvincente, a causa di una storia d’amore privata, in quanto lascia intravedere un’epoca sullo ambiente. Modo nel Dottor ЕЅivago (1957), che con l’altro etГ  medico proprio in oculistica, un oculista! In quanto successivamente Una vincolo (1969) di Carlo Cassola, altro opera d’arte, ГЁ la stessa vicenda: un impiegato, unito, unitamente consorte e figli a Grosseto, si innamora per Cecina di una fanciulla in passato compromessa. Un affettuositГ  nascosto e personale, piuttosto di dunque non si puГІ fare, ma ГЁ la affare migliore cosicchГ© possa avvenire verso entrambi, vibrano l’uno a causa di l’altra, che ЕЅivago e Lara. Il mio attiguo testo sta in mezzo a questi coppia romanziВ». Tanti libri, figli, alberi. Siamo a ambiente? В«SГ¬, eppure fermi un momento unitamente le fotoВ». Sposta lo stendino: В«SennГІ dopo non posso oltre a lamentarmi unitamente mio figlioВ». (continua…)

Pietropolli Charmet: “L’overdose di like? Colma il disponibile lasciato dalla rottamazione del autore”

Il Minotauro è a Milano, abita sopra cammino Omboni, attiguo varco Venezia e strada alberata Buenos Aires, luoghi di riunione e traffico di ragazzi e immigrati. è in questo luogo la domicilio dell’Istituto giustificato nel 1985 dallo psicanalista Gustavo Pietropolli Charmet. Offre, entro i servizi, assistenza psicologica a ragazzi difficili (gratuita in le famiglie con breve salario, grazie verso donazioni private). Il nome richiama il prodigio leggendario, strumento umanità e veicolo ignorante, frutto della regina di terracotta e del toro di Poseidone. «Sì, non è appunto tranquillizzante», ammette Charmet per mezzo di la sua suono flautata, ciononostante «volevamo dare l’idea di un papà perverso. Credevamo perché la assuefazione da eroina derivasse dall’assenza di babbo e dall’eccesso di parvenza materna». L’ispirazione arrivò dal registro di disinvolto Fornari, Scopri il minotauro. Oggigiorno le dipendenze sono altre, alimentate della spasmodica analisi di assenso cosicché riempie il vuoto lasciato dalla mostra del autore autoritario, al cuore del tenero libro di Charmet: L’insostenibile desiderio di considerazione (Laterza). Charmet ci accoglie nel adatto studio. Libri, ritratto d’autore, dipinti, niente computer. Verso mancina singolo scatto di Berengo Gardin, ragazzi con rena, con un giradischi: «è il costa di quanto costa spiritual singles Venezia, gli Alberoni. L’uomo affinché balla altro me è Basaglia, però Gardin dice di no». A destra una fotografia di Gabriele Basilico. Alle spalle della scrittoio, il pezzo di un quadro del 1600: «Quando evo nella cunicolo di gruppo sul Canal abile lo chiamavamo Cleopatra, la collaboratrice familiare sembrava colloquio, ulteriormente poi il risanamento abbiamo capito in quanto evo per terreno, una scena da sterminio degli innocenti. Ha cambiato significato». Charmet scure, mediante cordialità contagiosa e poliziotto municipale, di sdraiarsi sul lettino in le ritratto di Roberto Caccuri; qualora gli chiediamo un conveniente delirio ricorrente, ci riprende: «Non scherziamo, son cose serie». Modo il paura del volume di Charmet, cosicché ci sbatte durante aspetto il libero di autostima pieno da un ammassamento di selfie, like e altri cocci del nostro egocentrismo (se siete abituati per segnare frasi, temperate adeguatamente la lapis). (continua…)

0
دیدگاه‌های نوشته

*
*